Girovaghi

Circo di Budapest

DSCN2440

Circo di Budapest

Circo stabile statale ungherese.

Lo stabile di Budapest nasce nel 1891 grazie a Wulff Ede, proveniente da

una famiglia tedesca di domatori. L’edificio, capace di 2300 posti, desta

notevole sensazione tra gli abitanti della città ed ottiene un enorme successo

di pubblico. In seguito Ede lascia la direzione, il livello dei servizi va

peggiorando e l’edificio viene trasformato in una grande uccelliera ad uso

dell’adiacente parco zoologico. Nel 1904 Matyas Beketow riesce ad ottenere

un buon contratto di affitto e a riportare lo stabile di Budapest agli antichi

splendori. Ma le condizioni economiche del direttore russo peggiorano, nel

1929 I’impresa dichiara fallimento e Beketow si uccide gettandosi nel

Danubio. Il circo viene preso in mano dalla municipalità che lo affida in

sequenza a vari direttori fino a farlo arrivare nel 1935 tra le mani di Gyorgy

Fenyes, il quale scrittura artisti di fama mondiale (tra i quali Charlie Rivel),

stimolando allo stesso tempo il vivaio nazionale. Nel 1943 il circo è costretto

a chiudere per le attività belliche. La fine della guerra e l’arrivo dei russi

portano a una lenta decadenza. Nel 1949 il circo diventa statale,

l’organizzazione che se ne occupa è la Magyar Cirkusz es Varieté. Alla fine

degli anni ‘60 la struttura è però fatiscente, così, nel 1971, viene buttato giù il

vecchio stabile e costruito l’attuale Fovarosi Nagycjrkusz, con 1800 posti,

ampie scuderie per gli animali e un hotel per gli artisti. La direzione passa da

Gaborne Eotvos a Tamas Radnoti fino ad arrivare, nel 1988, all’ex artista

Istvan Kristof (Clown d’Argento al Festival di Monte-Carlo del 1977). Oltre

allo stabile esistono due quartieri invernali ben attrezzati e l’Istituto nazionale

di formazione degli acrobati, nato nel 1950 per volere del Ministero

dell’Educazione. Negli anni ‘90 il Circo di Budapest esegue alcune tournée in

Italia con alterna fortuna.

Lascia un Commento